Pannonia Ring 2019

Uscite, consigli e tecniche per gli amanti dei cordoli.
Rispondi
Avatar utente
Spike105
1
Messaggi: 84
Iscritto il: 17 mar 2014, 11:51
Nome: Claudio
MT-09: Blazing Orange
Moto posseduta: Hornet 600
Località: Azzano Decimo

Pannonia Ring 2019

Messaggio da Spike105 » 20 nov 2018, 08:39

Buongiorno a tutti,

ho voluto aprire questo argomento per comunicarvi che è uscito il calendario dell'organizzatore Stardesign Racing con tutte le date confermate nei vari circuiti (BRNO, Pannonia Ring, Rjeka, Slovakia Ring...).

Io e il mio gruppo abbiamo già puntato ad andare al Pannonia Ring nelle date 31 Maggio, 1 e 2 Giugno, mi farebbe piacere se qualcuno di voi volesse partecipare a questo evento, io per il momento mi limito ad invitarvi, seguiranno altri post dove darò ulteriori informazioni, sia sull'organizzazione, sia sugli eventuali costi (€ +, € -).

Fateci un pensierino perchè non ne resterete assolutamente delusi.

Ciao
Spike (Claudio)

Avatar utente
Spike105
1
Messaggi: 84
Iscritto il: 17 mar 2014, 11:51
Nome: Claudio
MT-09: Blazing Orange
Moto posseduta: Hornet 600
Località: Azzano Decimo

Re: Pannonia Ring 2019

Messaggio da Spike105 » 06 dic 2018, 11:23

Ciao Ragazzi,

eccovi alcuni importanti aggiornamenti.

Comincio subito con le date previste: 31 Maggio, 1 e 2 Giugno.
Non so bene quali siano le vostre esperienze di pistaioli, se avete fatto trasferte simili (sia come giorni che come distanza), o solo qualche sporadica uscita giornaliera, cercherò in ogni caso di stilarvi un memorandum operativo affinché possiate avvicinarvi a questa occasione con la massima serenità e nel miglior modo possibile.
Quando si eseguono trasferte di questa importanza è bene essere provvisti dei seguenti attrezzi e/o materiali che suddivido per capitoli.
Risulta ovvio che non saranno necessari 10 manometri o 10 compressori e così via. Le liste non sono esaustive ma prevedono la dotazione del singolo pilota, qualora ciascuno di noi fosse dotato di tutto ciò sotto indicato potrebbe autonomamente correre in qualsiasi circuito in solitaria.
Chiaramente scrivo per quanto è la mia personale esperienza (Evento Pannonia Ring 2017 e 2018) e dai continui aggiustamenti che ci hanno portato ad un intesa vincente che deve essere alla base del gruppo dei piloti che partono in compagnia.

Il vestiario
a) sottotuta
b) tuta intera o spezzata (anche se l’intera è preferita)
c) stivale moto
d) guanti
e) paraschiena
f) casco integrale

Postazione box
a) sedia
b) tappetino (cambio scarpe e stivali)
c) appendino per tuta
d) asciugamano

Per chi dorme in box
a) materassino gonfiabile
b) lenzuolo, coperta, ecc..
c) stufetta elettrica (al tempo non si comanda)

Viaggio, rifornimento in circuito e attrezzi
a) documenti moto e targa (nel caso di un controllo stradale potrebbero richiederli e vanno esibiti)
b) cavalletti moto (per chi intende usare le termocoperte)
c) tanica per benzina (anche se il circuito è attrezzato con una pompa di benzina il cui costo è davvero ottimo se confrontato con quello che costa la benzina in Italia!)
d) compressore
e) manometro (pressione gomme)
f) termocoperte (necessarie, ma non indispensabili, se si cerca da subito la velocità ad inizio turno)
g) eventuale prolunga a rullo e riduzioni (termocoperte, stufette, radio, carica batterie, ecc..)
h) cassetta attrezzi, set chiavi e minuteria (regolazioni, cambio gomme, ecc…)
i) scotch americano ( per “rivestimento” parti della moto tipo fari, frecce, ecc…)
Il paddock è provvisto di tutta l’infrastruttura necessaria anche a chi dovesse decidere di rinunciare
al box, dotandosi chiaramente di ambiente tipo gazebo, in quanto fornisce acqua, elettricità, servizi
igienici, docce e ristorante.

Come si svolge l’avventura
Considerato che un’uscita di tale portata, per chi non è avezzo a frequentare l’ambiente, può incidere sulle decisioni mi pregio di rimettere alla vostra attenzione quanto di solito ci siamo abituati a fare.
Il carico delle moto, borsoni e quant'altro avviene solitamente entro il giorno prima della partenza, compatibilmente con gli impegni di ciascun partecipante e di chi metterà a disposizione il proprio mezzo per il gruppo.
La partenza avviene solitamente attorno alle 12.30 - 13.30 del Giovedì (da Pordenone) affinché si possa raggiungere il sito di destinazione ad un orario che consenta poi la scelta del box, lo scarico di tutto il materiale, moto, ecc…ecc…
All'ultimo autogrill prima di entrare in Austria ci si ferma per caffè e acquisto vignetta, e si riparte per Sarvar (Paesino dove si alloggia in Hotel solitamente e che dista 10km dal circuito) con sosta a metà del viaggio.
Il viaggio richiede circa 6 ore. Arrivati in circuito si cerca l’organizzatore dell’evento per il noleggio box, ci si reca in box e si scarica tutto il materiale e lo si allestisce; se l’organizzatore è disponibile si eseguono lo scarico di responsabilità e ci si fa consegnare il bollino, il transponder ed il numero da appiccicare sulla carena; si torna in box per appiccicare il bollino, il numero carena e per installare il transponder (con fascette od altro). Il transponder è bene fissarlo seriamente attraverso l’apposito supporto (solitamente dato in dotazione) perché in caso di perdita ha un costo sostanziale.
Finalmente si va a mangiare. A fine cena di solito si torna in box per gli ultimi aggiustamenti o per preparare “el Pajon (letto)” per chi resta in BOX a dormire e per fare UN PO’ DI SANO CASINO 8-) . Il giorno successivo è buona cosa arrivare in circuito almeno 1 ora prima dell’inizio del 1° turno che solitamente è alle ore 9.00, mentre alle 8.30 l’organizzatore dell’evento solitamente richiama l’attenzione di tutti i partecipanti per spiegare le norme del circuito e di come verrà gestito il weekend (turni, gare, ecc…)
Chi frequenta assiduamente la pista, o ha avuto la fortuna di farlo, dopo due giorni e mezzo di prove, warm up e gara la domenica mattina, è poi solito pranzare, caricare, resettare il box, consegnare il transponder (mai dimenticarsi) e partire per il rientro; ciò consente di essere a casa entro le ore 21.00.

Quanto costa
E ora veniamo al tasto dolente.
La caparra da versare è pari a 100€ e verrà raccolta non appena avremo perfezionato l’accordo con l’organizzatore dell’evento (c’è uno di noi che si preoccupa di questo), vi rammento che i piloti per ogni turno non possono essere più di 50 e che se il gruppo intende correre insieme, il tempo per la prenotazione si riduce notevolmente (un po’ come dire prima si fa e meglio è o si rischia di correre sparpagliati su più turni e diverse categorie, questo vale soprattutto per il Venerdì dove si parte da un gruppo ben preciso A-B-C-D per poi cambiarlo in base ai singoli tempi)
Ovviamente il mancato versamento della caparra entro il termine prefissato è la dichiarata intenzione di NON voler partecipare all'evento.

Riepilogo dei costi previsti per singolo pilota con arrotondamenti in eccesso:
Vignetta per chi percorre l’Austria 8€
Gasolio viaggio e spostamenti (media per furgone) 100€ per chi parte da Pordenone
Costo Box (media a seconda degli occupanti) 50€ a testa
Pernottamento (3 notti in camera doppia) 65€ a testa
Benzina moto (3 giorni) 60€ circa
Costo ristorazione (weekend completo) 100€, si riferisce soprattutto alle cene perché solitamente a pranzo ognuno si porta pane e affettato da casa su un frighetto portatile.
Costo pista 2gg 250€ Comprensivo di transponder e gara del Sabato
Costo pista 3gg 300€ Comprensivo di transponder e gare

Poi nella realtà i costi possono variare per i seguenti motivi e/o a seconda che:
1 – uno decida di dormire in Box (quindi non paga l’hotel)
2 – uno decida di mangiare sempre panini portati da casa (soprattutto a pranzo) ma si perde il bello dello stare in compagnia
3 – manca il costo delle gomme che mediamente è di 250€ (ant + post nuove), i piloti più fighi si portano dietro anche una seconda posteriore ma… non l’hanno mai montata!

E’ chiaro che tutto quello che ho scritto finora è utilissimo per chiunque decida di farsi un “regalo” e magari rinunciare alle ferie per farlo (per alcuni è proprio così), a parole non credo di riuscire a trasmettervi veramente quanto sia bello partecipare ad eventi di questa portata, tutti quelli che come me ci sono già passati ne sono rimasti SUPER entusiasti e ogni anno fanno le formichine d’inverno per poterci ritornare l’anno successivo (io compreso), non vi nascondo che sto cercando di farlo ogni anno con l’intento di portare sempre nuovi piloti, che diventano poi i miei AMICI.

Credo di avervi detto abbastanza (ma c’è sempre qualche dettaglio che manca), ora non aspetto altro di vedere se ho messo l'appetito (della pista) a qualcuno di voi, magari ad un certo @Ditraversys :lol:

Grazie a tutti.
Claudio

Rispondi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite